FUORILEGGE 2.0 La scienza dei traffici illegali

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

I traffici illegali, che alimentano attività criminali a ogni latitudine del pianeta, rappresentano un motore economico e di scambio dalle proporzioni preoccupanti, di cui l’opinione pubblica non è pienamente consapevole. Soltanto il traffico di droga nel mondo, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite, muove un giro d’affari equivalente a 262 miliardi di euro. Ma la questione non è prettamente economica: il movimento dei migranti nel Mediterraneo porta con sé storie dolorose di traffici di organi, la stessa ricerca della libertà di persone nel mondo si trasforma in tratta umana, e le armi per gli scontri tra popoli, non di rado, sono sporchi favori tra alleanze silenziose.
Quanto pensiamo si tratti di realtà distanti, inoltre, si intreccia con le nostre attività quotidiane e allora anche i farmaci, i dati personali, i rifiuti che produciamo e le specie animali protette circolano senza regolamentazione. Il punto di vista per avere una visione più ampia è quello di una dimensione scientifica dei traffici illegali.

Mercoledì 2 Novembre, all’Università degli Studi di Milano-Bicocca, il convegno “FUORILEGGE 2.0”, organizzato dal Master MaCSIS in collaborazione con ScienzaInRete, affronterà questa e altre tematiche grazie al contributo di tanti esperti.

Aprirà la giornata Paola Minghetti, Università degli Studi di Milano, che presenterà le diverse categorie dei moltissimi prodotti oggi disponibili per la salute, le normative per classificarli e le modalità di assicurazione della tutela pubblica.

Veniero Gambaro, coordinatore del Laboratorio di Analisi Chimico-Tossicologica del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Milano, mostrerà le attività di analisi che vengono eseguite sia su materiale biologico che non biologico, i metodi analitici per il rilievo di sostanze stupefacenti nella “droga da strada” e i test su materiali vegetali, come funghi allucinogeni e Catha Edulis. Parlerà inoltre della, sempre più diffusa, commercializzazione illecita di steroidi anabolizzanti.

A seguire Paola Brambilla, delegato WWF Italia per la Lombardia, ci mostrerà come una grande associazione ambientalista è impegnata a livello locale, nazionale e internazionale  per  contrastare quelli che vengono chiamati “Crimini di natura”.

L’ Innovation & IT Project Manager del Comune di Pistoia, Ludovico Ristori, ci parlerà dei “cattivi” che rubano idee o soldi hackerando i grandi sistemi informatici. Fare hacking oggi richiede un approccio sistematico e team multidisciplinari: roba per professionisti imprese o per agenzie governative più o meno occulte. E poi ci sono Anonymous, l’internet oscura e le sotto-reti diventate il supporto irrinunciabile per le organizzazioni terroristiche.

Concluderà gli incontri della mattinata una video-conferenza di Antonio Pergolizzi, giornalista esperto di ecomafie, che ci parlerà di quei settori della criminalità organizzata che hanno scelto il traffico e lo smaltimento illecito dei rifiuti, l’abusivismo edilizio e le attività di escavazione come nuovo grande business.

I lavori riprenderanno nel pomeriggio alle 14.00 con l’intervento di Paolo Lambruschi, giornalista del quotidiano Avvenire, vincitore del premio “Premiolino” per le inchieste sul traffico di esseri umani nel Sinai: il traffico d’organi è un tema più che mai attuale e si lega alle storie dei migranti che attraversano il Mediterraneo.

Valerio Calzolaio, politico e accademico, ci mostrerà come le popolazioni umane migrano da milioni di anni, per necessità o per scelta. È cosí che ci siamo evoluti. Homo sapiens ha conquistato la libertà di migrare e il diritto di restare: no alle migrazioni forzate.

A seguire Pietro Greco, scrittore e giornalista scientifico, tratterà lo spionaggio tecnico/industriale ai tempi di Galileo e ancor prima. Poi con un salto temporale, prenderà in esame tre diversi scienziati coinvolti in accuse (vere o presunte) di spionaggio relativo alla bomba atomica.

Il Direttore Generale Pugwash Conferences on Science and World Affairs, Paolo Cotta Ramusino,  ci chiarirà, con una video-intervista, le relazioni geopolitiche dei Paesi che possiedono, o sul cui territorio si trovano, armi nucleari: armi che sempre più interessano le strategie dei gruppi terroristici.

Infine, chiuderà la giornata Lorenzo Natali, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, parlando del ruolo della criminologia: una riflessione sui dati disponibili, i crimini dei potenti, la dimensione transnazionale e la criminalità organizzata. 

La giornata sarà coordinata da Andrea Cerroni, sociologo della scienza dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Direttore del Master MaCSIS.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. Per informazioni: segreteria.macsis@unimib.it

Su Colpodiscienza, e su ScienzaInRete, web-journal del Gruppo 2003 per la ricerca, saranno pubblicati approfondimenti e contenuti multimediali legati alla giornata elaborati dagli studenti del Master MaCSIS.

 

Tags: , , , , , , , , , ,

Ancora nessun commento.

Lascia una risposta